Il Comune di Satriano punta alle energie rinnovabili

Grazie agli incentivi nazionali e alla regolamentazione regionale, il comune di Satriano di Lucania ha potuto installare negli ultimi mesi sul proprio territorio numerosi impianti di produzione di energia rinnovabile, tra cui numerosi parchi fotovoltaici non integrati.

L’energia prodotta da tali impianti, secondo l’Amministrazione Comunale di Satriano, sarà in grado non solo di rendere il comune autosufficiente dal punto di vista elettrico, ma permetterà di assicurare un notevole introito alle casse comunali, fatte salve le spese di ICI da versare ai comuni confinanti sui quali sono sorti gli impianti.

In virtù di tale risparmio, l’Amministrazione Comunale ha comunicato ai propri concittadini l’intenzione di ridurre, a partire dal 2012, ovvero quando tutti gli impianti realizzati saranno in funzione, le tasse comunali che gravano oggi sulla propria cittadinanza.

Il sindaco ha affermato che grazie a questo investimento, sarà realizzato nel comune un “vero e proprio federalismo fiscale comunale”, perché le somme incassate dalla produzione di energia elettrica rinnovabile sarà utilizzata per lo sviluppo dello stesso territorio.

Per cui i cittadini di Satriano di Lucania potranno godere di miglioramenti nei servizi sociali, nella viabilità cittadina ed ovviamente il miglioramento dei servizi alla cittadinanza.

L’amministrazione comunale programmerà inoltre progetti e protocolli d’intesa per la realizzazione di nuovi impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole comunali, abbattendo i costi di produzione per destinare parte dell’energia prodotta per l’illuminazione pubblica della cittadina.

Attualmente è in costruzione un impianto di 50kW per la produzione di energia da fonti fotovoltaiche sul tetto della piscina comunale

Solare termodinamico a Siracusa

L’impianto convoglia l’energia termica, proveniente dal sole, mediante una serie di specchi parabolici, per un’ammontare di circa 199.000 mila metri quadrati.Gli specchi, sfruttando le leggi della riflessione, concentrano i raggi del sole su speciali tubazioni che percorrono il “campo” di produzione per una lunghezza totale di circa 5.400 metri.

Il nuovo gas sintetico prodotto mediante radazione solare. Una possibile svolta.

In un futuro non troppo lontano anche il concetto di pianta, per come la si intende nel gergo comune, potrebbe esssere messa in discussione.   La pianta “biomeccanica”, un dispositivo di nuova concezione sviluppato dai ricercatori del California Institute of Technology che, con un processo simile alla fotosintesi clorofilliana, trasformerà  una miscela di elementi tra…